È attivo il bando per la selezione di volontari da impiegare nel progetto di Servizio Civile Universale (SCU), presentato dal nostro ente iscritto all’albo della Regione Calabria.

La domanda di partecipazione alla selezione e la relativa documentazione vanno presentati all’ente.

Puoi inviare la domanda via PEC info@cepros.org, con raccomandata a/r all’indirizzo Cepros via Terina, 1 Lamezia Terme, oppure presentarla a mano tutti i giorni dal lunedì al venerdì.

La data di scadenza è il 28 settembre 2018 (in caso di consegna a mano entro le ore 18:00).

In questa pagina sono presenti il testo del Bando e gli allegati.
Si invita a prendere visione del sito dedicato al Bando volontari 2018.


ESTRATTO PROGETTO

Titolo del progetto: PETERPAN 2018

Settore: Educazione e promozione culturale

OBIETTIVI

La Cooperativa Cepros gestisce da molti anni 3 scuole paritarie e asilo nido a Lamezia terme: le scuole ospitano bambini dai tre mesi ai 5 anni in orario scolastico e pomeridiano a seconda delle esigenze dei genitori, da settembre a Luglio. Sono gestite da personale qualificato insegnanti, educatori e animatori.

La scuola materna svolge attività secondo il calendario didattico ministeriale. In Asilo Nido i bambini sono accompagnati in diverse attività che ne consentono lo sviluppo relazionale,cognitivo,motorio, espressivo. Il progetto vuole dare la possibilità di poter offrire ai bambini e alle loro famiglie e alla città di Lamezia terme una serie di servizi socio-educativi che possano essere di supporto allo sviluppo personale e sociale del minore nonché di sostegno alla famiglia.

Ecco perché nasce l’idea di offrire dei servizi volti a promuovere e a valorizzare la partecipazione del bambino a livello propositivo, decisionale, gestionale in esperienze aggregative nonché occasioni di riflessione su temi rilevanti per la convivenza civile e lo sviluppo delle capacità di socializzazione e inserimento nella scuola nella vita familiare. L’insieme delle attività troveranno spazio in un servizio che è quello di piu centri aggregativi la cui attenzione sarà ovviamente focalizzata sui bambini. Il progetto prevede la realizzazione di attività ludico-educative( giochi, attività espressive di laboratorio,teatro,sport) finalizzate alla socializzazione,allo sviluppo affettivo e cognitivo, nonché dei processi di autonomia,correlati all’età ed allo stato di sviluppo psico-fisico del minore.Attenzione allo stato generale di benessere psico-fisico del minore e segnalazione alla famiglia di eventuali problematiche. Programmazione di incontri e seminari che vedranno coinvolti anche i genitori su termiche riguardano i disagi dei bambini e i loro rapporti coni genitori.

Attraverso il progetto si intende promuovere la diffusione delle arti in tutte le sue manifestazioni. Saranno sviluppati laboratori di musicoterapia teatro, laboratori manuali ed espressivi.

ATTIVITÀ

La presenza dei volontari del SCN può rappresentare un importante elemento di ricchezza, di superamento dallo stato di incertezza e di scarsa informazione, che caratterizza il territorio, di valorizzazione di un’area isolata collinare e montana.

La possibilità di prestare il proprio servizio mettendo a disposizione le proprie attitudini e competenze può rappresentare per i volontari del SCN un importante momento di scambio delle esperienze e delle attività con i beneficiari del servizio e volontari delle Associazioni coinvolte.
Da non trascurare inoltre l’azione educativa che si svilupperà verso i ragazzi del SCN che parteciperanno al progetto e che impareranno a instaurare relazioni con i minori.

In occasione dell’entrata in servizio i volontari parteciperanno ad un incontro di accoglienza e benvenuto, alla presenza di rappresentanti dell’Ente locale. Seguirà il percorso di formazione, iniziando da quella generale, per introdurre e preparare i volontari al Servizio Civile Nazionale inteso come opportunità di cittadinanza attiva, comunicando informazioni, concetti e metodologie utili ad orientarsi nell’esperienza di servizio e a leggerne il significato, come momento di crescita e di assunzioni di responsabilità, come momento di acquisizione del concetto di difesa della Patria in modo non armato e non violento.

In questa prima fase ciascun volontario entrerà in relazione con gli OLP, che da subito si proporranno come persone di riferimento del giovane e con i formatori.

Successivamente il volontario seguirà il programma di formazione specifica, e il graduale inserimento all’interno del servizio.
Nel corso del primo mese di attività, il volontario e l’Operatore Locale dedicheranno spazi specifici di riflessione per la stesura del piano di azione, mediante il quale saranno indicate in dettaglio, nell’ambito degli obiettivi specifici del progetto, le singole attività da svolgere, mansioni, orario, calendario e quant’altro sarà ritenuto indispensabile per la riuscita dell’iniziativa. Questo piano sarà attentamente monitorato in itinere per verificare gli scostamenti degli obiettivi e per poter all’occorrenza rimodulare il piano stesso.

A partire dal primo mese, oltre alla formazione, i volontari, assieme ai responsabili dell’Ente, dedicheranno parte dell’orario di lavoro per la pubblicizzazione del progetto. Per la pubblicizzazione sono previsti manifesti, locandine, convegni, creazione di una pagina sul sito dell’ Associazione ecc.

NUMERO DI POSTI

6

SEDI PROGETTO
  • Scuola dell’Infanzia Calimero Via Roberto Il Guiscardo, Lamezia Terme
  • Asilo Nido L’acquarello via dei Giardini, Lamezia Terme
  • Scuola dell’infanzia L’arca Centro Commerciale Due Mari, Maida
CRITERI DI SELEZIONE

Per i criteri di selezione si utilizzano quelli indicati dal SCU

MONTE ORE

1400 ore annue. Le ore settimanali obbligatorie sono 30 ore settimanali

GiORNI DI SERVIZIO

6 giorni a settimana

I volontari dovranno garantire:

  • flessibilità oraria
  • la disponibilità al servizio in orari e turni diversi da quelli consueti
  • presenza il sabato e la domenica quando necessario
  • la compilazione di un diario di bordo
FORMAZIONE SPECIFICA

Contenuti della formazione:

MODULO 1 – FORMAZIONE E INFORMAZIONE SUI RISCHI CONNESSI ALL’IMPIEGO DEI VOLONTARI NEI PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE
10 ore

Formatore A
Il volontario è spesso impegnato nello svolgimento di attività pratiche che comportano inevitabilmente dei rischi. Questi devono essere valutati e di essi va data al volontario una puntuale informativa. Devono, inoltre, essere definite ed adottate misure di prevenzione e di emergenza in relazione all’attività del volontario e devono essere analizzate e valutate le possibili interferenze tra questa e le altre attività che si svolgono nell’ambito della stessa organizzazione.
Egli dovrà ricevere corrette e dettagliate informazioni sui rischi specifici esistenti negli ambienti in cui andrà ad operare e sulle misure di prevenzione e di emergenza adottate; inoltre l’ente ospitante dovrà informare e ridurre al minimo i rischi da interferenze tra l’attività svolta dal volontario e le altre attività che si svolgono in contemporanea nello stesso luogo. I volontari riceveranno tutte le informazioni di cui al presente modulo prima dell’inizio dello svolgimento dell’attività in cui si evidenziano rischi per la salute e la sicurezza.

CONTENUTI:
1. Sicurezza sul lavoro. Come si agisce e lavora in sicurezza
2. Caratteristiche dei vari rischi presenti sul luogo di lavoro e le relative misure di prevenzione e protezione
3. Quadro normativo in materia di sicurezza: D.L.n.626/1994 D.L.n.81/2008 e successive modificazioni

MODULO 2 – TEMPO LIBERO

Formatore B
20 ore
Con questo modulo i volontari verranno formati sull’importanza del concetto di tempo libero come tempo autenticamente formativo. Sui luoghi, le strutture, le associazioni per il tempo libero che funzionano nella città. Sull’idea di un educazione permanente come problema aperto che richiede un rinnovamento della scuola.

CONTENUTI
1. Organizzare il tempo libero
2. L’importanza del gioco
3. Il linguaggio
4. Comprensione e intelligenza motoria

MODULO 3 – IL MONDO AFFETTIVO

20 ore
Formatore C

L’affettività è una dimensione fondamentale della condizione umana. L’affettività implica sempre una relazione che nasce dalla simbiosi con il corpo materno e del rapporto madre-figlio si sviluppa pian piano nell’ambito sociale e culturale. I volontari verranno formati su quest’argomento per riuscire a capire meglio il bambino e predisporre le condizioni necessarie per favorirne uno sviluppo affettivo sano.

CONTENUTI
1. Lo sviluppo affettivo del bambino
2. Teoria dell’ attaccamento di Bowlby.
3. Gli stili di attaccamento
4. Dall’infanzia all’adolescenza. L’evoluzione delle attività di gioco

MODULO 4 – DISTURBI DELL’ETA’ EVOLUTIVA

10 ore
Formatore B
In questo modulo i volontari verranno formati circa i principali disturbi che un bambino può sviluppare per un adeguato e corretto approccio con loro e i loro familiari, affinchè si possano individuare i percorsi didattici più adeguati . CONTENUTI
1. I tipi di disturbi
2. Difficoltà di apprendimento
3. Disabilità e integrazione

MODULO 5: CONOSCENZA DI SE’

20 ore
Formatore C
Questo modulo aiuterà i volontari ad esprimersi sulla propria persona. A raccontare di se e conoscersi. Il formatore counsellor avrà il compito di stabilire con i volontari un colloquio empatico e aiuterà il volontario ad individuare le risorse che possiede ma che ha difficoltà a riconoscere. Il modulo aiuterà il volontario ad accrescere la propria autostima per affrontare al meglio e con meno disagio il rapporto con i propri colleghi e le altre relazioni interpersonali.

CONTENUTI
1. chi sono
2. il racconto autobiografico
3. l’autoritratto